Faedda (Reach Italia Onlus): “Contatti costanti con il Burkina Faso che cerca stabilità”

16 ottobre 2015 alle 13:47 | Pubblicato su Uncategorized | Lascia un commento

bambini burkina faso tutti insiemeIl Burkina Faso cerca da anni pace e stabilità politica, dei concetti che non riescono ad entrare nella vita quotidiana di uno dei paesi più poveri del mondo alle prese con tante problematiche da anni. A novembre 2014 il Paese ha vissuto settimane di fibrillazione a causa del tentativo dell’ex presidente Blaise Compaorè di prolungare il suo mandato che scadeva nel 2015. Compaorè è stato sostituito dal tenente colonnello Isaac Zida che sta guidando un periodo di transizione verso la democrazia. Le elezioni erano previste per l’11 Ottobre scorso ma ancora una volta quest’appuntamento è stato rinviato, si svolgeranno il 29 Novembre.

Il motivo del rinvio è da attribuire all’ennesimo tentativo di golpe sventato dopo giorni di tensione e alcuni disordini. A guidare questo colpo di stato c’era il generale Dienderè ma molte fonti attendibili del Burkina Faso sostengono che la mobilitazione poi fallita sia sta preparata ad Abidjan, luogo d’esilio dell’anziano presidente Blaise Compaoré. Le autorità ivoriane sono state perfettamente informate, grazie ai loro servizi segreti, di numerosi viaggi tra Ouagadougou e Abidjan di uomini vicini all’ex presidente. Da molti mesi i più informati temevano una destabilizzazione orchestrata dall’ex presidente dal suo esilio.

Il 21 Settembre scorso una dichiarazione piena d’ambiguità di Diederè e i clacson in segno di vittoria per le strade di Ouagadougou hanno rappresentato dei momenti importanti di questa vicenda che s’avvia finalmente a spegnersi. Il 13 Ottobre sono state annunciate le elezioni del 29 Novembre, il Burkina Faso cerca pace e stabilità. Per saperne di più sulla situazione di questa nazione, abbiamo contattato Manuela Faedda, responsabile dei progetti di cooperazione internazionale dell’ong Reach Italia Onlus, realtà attiva dal 1988 in Burkina Faso. “Siamo in contatto costante con il Burkina Faso, il coordinatore di Reach Africa vive a Ouagadougou dal 2000 e ci ha informato sui progressi che ci sono nel suo Paese. La tranquillità è tornata, la stabilità politica non ancora e Reach Italia cerca di dare un contributo costante al Burkina Faso. Siamo attivi con i nostri programmi per il sostegno a distanza e i progetti di cooperazione internazionale come quello per il recupero delle terre fortemente desertificate, “Mangio anch’io” per la manutenzione e la costruzione delle mense scolastiche, “Una marcia in più” che vuole potenziare il centro di formazione meccanica di Ouagadougou e “Sos Scuole- Strutture ora sicure” per garantire il diritto all’istruzione, che spesso, oltre a dare ai bambini formazione e cultura, significa anche sottrarre i bambini ai pericoli della strada e fornire almeno un pasto caldo al giorno”, così ha parlato Manuela Faedda fotografando la lotta silenziosa di un Paese che cerca solo di creare le condizioni basilari per lo sviluppo e la serenità.

Fonte: Ciro Troise per “La Voce d’Italia”

Lascia un commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: