Strage di migranti, Stragapede (Reach Italia Onlus): “La risposta e’ il sostegno a distanza”

21 aprile 2016 alle 09:15 | Pubblicato su Uncategorized | Lascia un commento
Tag: ,

strage-migranti-722x445“Il dramma dei migranti non conosce fine”, così un affranto Papa Francesco ha commentato l’ennesima strage di migranti, un altro “bollettino di guerra” proveniente dal mare, da sempre immagine del viaggio, della fuga, della voglia di ritrovare libertà, serenità, di scappare dalla povertà e dalle violenze.
E’ naufragato un barcone di circa 400 migranti e circa 200 persone sarebbero annegate nelle acque del Mar d’Egitto mentre cercava di raggiungere l’Italia.
“C’è veramente bisogno di riflettere”, ha commentato il presidente della Repubblica Mattarella sottolineando la complessità della questione ma soprattutto la necessità di reagire dopo l’ennesima “tragedia del mare”.
Le condizioni di vita disagiate di tanti paesi favoriscono gli scafisti senza scrupoli che approfittano delle disgrazie altrui e realizzano viaggi della speranza in cui sono altissimi i rischi e tantissime le peripezie a cui sono costretti i migranti.
Il dibattito sulla gestione dell’immigrazione è sempre caldo non solo in Italia ma in tutta Europa e la risposta, infatti, dovrebbe essere univoca e condivisa a livello continentale. Bisogna affrontare il problema alla radice, rendersi conto che sono insostenibili le grandi sperequazioni economiche tra le parti più ricche del mondo e quelle più povere.
E’ necessario un intervento sociale complessivo che metta al centro la lotta alla malnutrizione, alla fame e per garantire ai bambini il diritto all’istruzione come caposaldo per un presente ed un futuro diverso. Per raggiungere quest’obiettivo, è fondamentale il confronto tra le istituzioni e le ong, che, operando sul campo, possono fornire un contributo essenziale.
Reach Italia Onlus, ong attiva dal 1988 su sostegno a distanza e cooperazione internazionale, ha più volte ribadito la centralità del confronto tra istituzioni ed ong.“Siamo pronti a dare il nostro contributo come abbiamo sempre fatto. In questi anni d’impegno quotidiano, abbiamo più volte ribadito che il sostegno a distanza è la prassi più efficace per le popolazioni dei paesi più poveri del mondo. Mettiamo in relazione il SaD ai progetti di cooperazione internazionale cercando così di fornire un multiplo aiuto, al bambino che può così andare a scuola, alla famiglia che si libererà così delle spese spesso insostenibili per l’istruzione del figlio e alla comunità che può rilanciarsi proprio partendo dal diritto allo studio”, si è espresso così il nuovo presidente di Reach Italia Onlus Giancarlo Stragapede. Sia il Governo Italiano a farsi promotore, a rilanciare l’idea di un confronto europeo su queste tematiche, che stabilisca come prassi inalienabile il confronto con le ong, con coloro che materialmente lavorano al fianco dei più deboli.

Fonte: Ciro Troise per “La Voce d’Italia”

Lascia un commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: