Mangio anch’io, le mense scolastiche in Africa: la scheda del progetto

23 novembre 2016 alle 09:08 | Pubblicato su Uncategorized | Lascia un commento

banner mangio anch'ioReach Italia lavora al progetto “Mangio anch’io” per la manutenzione e la costruzione delle mense scolastiche in Africa. Ecco la scheda dell’iniziativa curata dall’associazione:

Obiettivo Generale: Contribuire al miglioramento delle condizioni di vita dei bambini che frequentano le scuole sostenute da Reach Italia, in differenti aree del continente africano. Ridurre l’insicurezza alimentare a breve termine e migliorare gli standard di vita diminuendo la malnutrizione infantile.

Obiettivi specifici:

  • migliorare le condizioni di vita dei bambini;
  • diminuire la % delle famiglie che non riescono a soddisfare i bisogni nutritivi del figli;
  • aumentare la % dei bambini che hanno un pasto al giorno;
  • aumentare la % dei bambini sotto sorveglianza sanitaria di base fornendo farmaci e visite mediche per tutti durante il corso dell’anno scolastico, agendo tempestivamente sui casi più gravi con ricoveri ospedalieri e cure farmacologiche;
  • diminuire il tasso di mortalità infantile nelle zone raggiunte;
  • dotare le scuole di cucine e di latrine necessarie;
  • promuovere la formazione di adulti e bambini sulle norme igieniche di base e infine coinvolgere la popolazione locale fornendo posti di lavoro;
  1. DESCRIZIONE

Il progetto “Mense Scolastiche in Africa” si colloca nell’area d’intervento che Reach Italia Onlus – ONG identifica come lotta contro la “Fame nel Mondo”. I Paesi dove interveniamo sono il Congo, il Niger, il Burkina Faso, la Guinea Bissau e il Mali che si collocano tra le aree con la più elevata vulnerabilità per gli aspetti legati alla nutrizione, colpendo in maniera e i bambini. Il progetto, già attivo dal 2012 e finanziato nel 2013 e 2014 dall’OPM della TAVOLA VALDESE, permette di garantire un pasto quotidiano, completo e nutriente, a tutti i bambini che frequentano le scuole REACH o nelle quali comunque Reach interviene.

Il Congo è un paese ancora sconvolto dalla guerra civile. La risposta della nostra associazione consiste nel permettere ai bambini di usufruire di un’adeguata istruzione, sostenendoli nel periodo più importante della loro vita: quello della formazione. Solamente, partendo dall’educazione, si possono sconfiggere i gravi problemi sociali che affliggono quell’area. Il Niger è uno dei Paesi più poveri del mondo, caratterizzato da un alto tasso di denutrizione e fame. Il problema, comune a tutto il Sahel, è quello della siccità in continuo aumento: avanza il deserto, i raccolti si fanno scarsi, i prezzi degli alimentari continuano a correre e le donne non riescono ad acquistare cibo a sufficienza. La nostra primaria risposta rimane però sempre l’istruzione per dare prospettive di crescita a questo Paese. Ricoperto per due terzi circa dal deserto, il Mali è caratterizzato da un paesaggio piuttosto arido che solo nella parte meridionale lascia spazio a alcune foreste. Le condizioni di vita sono estremamente difficili: secondo le ultime statistiche quasi i tre quarti della popolazione vivrebbero sotto la soglia di povertà. Il tasso di scolarizzazione è appena del 26%i. Il nostro lavoro si concentra proprio sul sostegno ai bambini durante la fase della formazione, perché siamo convinti che l’istruzione sia il fattore principale per lo sviluppo. L’economia del Burkina Faso è una delle più arretrate del mondo. Con una popolazione prevalentemente agricola, il tasso di povertà è fortemente legato al progressivo degrado delle condizioni climatiche. Si può garantire un futuro ad un Paese così povero solo attraverso l’istruzione; perciò Reach Italia si impegna a sostenere i bambini durante il periodo della formazione. La Guinea-Bissau è una delle più piccole nazioni dell’Africa continentale.  Malgrado le sue naturali ricchezze la Guinea è considerata dall’UNDP uno dei paesi più poveri del mondo. Le condizioni sociali sono pessime e per Reach il miglior antidoto alle condizioni sociali difficili è costruire un futuro diverso, garantendo l’istruzione.

Una piccola mensa nei complessi scolastici dove Reach opera garantisce a circa 6.000 bambini un pasto caldo, preparato giornalmente, sano e rispettoso delle indicazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità in materia di apporto energetico.

Con questo progetto ci si propone di migliorare le condizioni di vita dei bambini; diminuire la % delle famiglie che non riescono a soddisfare i bisogni nutritivi del figli; aumentare la % dei bambini che hanno un pasto al giorno; diminuire il tasso di mortalità infantile nelle zone raggiunte; dotare le scuole di cucine e di latrine necessarie; promuovere la formazione di adulti e bambini sulle norme igieniche di base e infine coinvolgere la popolazione locale fornendo posti di lavoro.

 

Per la realizzazione del progetto di seguito le attività previste:

4.          ATTIVITA’ 1 – Distribuzione derrate alimentari nei complessi scolastici interessati

Att. 1.1: Quantificare le derrate necessarie periodicamente per ogni scuola in base ai bambini frequentanti. Ogni scuola coinvolta nel progetto ha un numero di bambini frequentanti che varia continuamente. E’ importante che periodicamente venga fatto un controllo per evitare che le derrate risultino insufficienti a coprire le necessità.

Att. 1.2: Acquisto delle derrate. Per evitare un maggior dispendio di denaro, le derrate verranno acquistate in ogni paese per fornire le scuole coinvolte e ogni alimento necessario dovrà essere acquistato al miglior prezzo possibile. Per questo è necessario che si valutino diverse offerte. L’acquisto delle derrate compete ai diversi coordinatori locali nei diversi paesi; all’inizio dell’anno scolastico, nel mese di ottobre, verrà quantificata la quantità di alimenti necessari per fornire la mensa.

Att. 1.3: Distribuzione alle scuole locali. La distribuzione alle scuole è ovviamente più semplice per quelle scuole vicine ai grandi centri. Per le scuole periferiche sarà organizzato un trasporto periodico ed una distribuzione costante.

ATTIVITA’ 2 – Attivazione degli accordi con i partner

Att. 2.1:  Attivare gli accordi con i partner. In tutti i paesi coinvolti sono già attivi accordi con le comunità locali e con l’APE (Associazione Parenti degli allievi) fondamentali alla realizzazione del progetto in quanto si riesce a raggiungere le scuole coinvolte solo grazie alla loro collaborazione.

ATTIVITA’ 3 – Realizzazione dei locali-cucina e latrine nei complessi scolastici non forniti e fornitura di attrezzature

Att. 3.1:  Costruzione di 2 cucine e 1 gruppo di latrine. In alcune scuole coinvolte nel progetto non esiste un locale cucina e non sono presenti i bagni. Questo crea enormi disagi soprattutto durante la stagione delle piogge; il fango e la terra creano già di per se durante la stagione secca, nel periodo delle piogge si amplificano e aumentano i rischi di malattie ed infezioni per la scarsa igiene. Inoltre sono necessarie anche le latrine proprio per evitare o ridurre notevolmente i rischi di malattie ed infezioni. Le strutture vengono costruite da personale locale che viene coinvolto nel progetto e crea lavoro fra la popolazione. Per quest’anno si rende necessaria la costruzione della cucina per la scuola di EDEN in Mali e sia della cucina che di un gruppo di latrine per la nuova scuola di NIAMEY in Niger.

Att. 3.2: Acquisto e fornitura delle attrezzature da cucina necessarie. Una cucina per essere funzionale necessità delle stoviglie necessarie per cucinare, per servire il cibo e per far mangiare i bambini.

Att. 3.3: Assunzione del personale per la gestione delle cucine. Per gestire le cucine è necessario del personale che si preoccupi di preparare il necessario per la mensa dei bambini. Reach Italia assume solo personale locale indigeno per raggiungere un doppio obiettivo: farli sentire partecipi del progetto (altrimenti non sono in grado di dare nessun apporto) in particolare le donne, che da sempre sono tenute poco in considerazione in questi paesi e creare lavoro per gli indigeni locali

ATTIVITA’ 4 – Monitoraggio del progetto

Att. 5.1:  Verifiche periodiche del progetto alle diverse fasi nelle diverse scuole coinvolte. La verifica del progetto è alla base della buona riuscita stessa del progetto. Tramite il nostro coordinatore africa residente in Burkina Faso ed i diversi responsabili locali nei 5 diversi paesi coinvolti  è possibile effettuare un controllo periodico sia di realizzazione delle strutture che per la gestione delle mense documentando il tutto con foto. Sarà compito anche del personale della sede Italia di verificare tramite viaggi di missione la buona riuscita del progetto.

Att. 5.2: Gestione contabile spese progetto. La gestione della contabilità del progetto sarà affidata ai contabili locali nei diversi paesi e alle dipendenze della Reach Italia. La parte relativa alla rendicontazione del progetto sarà gestita direttamente dalla sede Italia in collaborazione con le sedi in loco.

 

Risultati attesi

Il progetto coinvolge circa 6000 bambini, i quali, frequentando la scuola, hanno diritto ad almeno un pasto al giorno. Questo permette di ridurre la percentuale dei bambini sottopeso e di ridurre i casi di mortalità infantile a causa della denutrizione. Le condizioni di salute dei bambini migliorano e di conseguenza le circa 6000 famiglie coinvolte non incorrono in spese sanitarie spesso non sostenibili. Oltre a questo vengono coinvolte nel progetto tutte le comunità locali che mettono a disposizione manodopera (retribuita) per contribuire e sentirsi utili per il progetto di sostegno alle scuole e alle famiglie.

Impatto sociale

Le famiglie dei bambini che frequentano le scuole sono sgravate dall’onere di preoccuparsi di fornire un pasto ai propri figli in età scolare. In questo modo possono indirizzare le loro risorse in altri ambiti. Diminuisce il tasso di malnutrizione nel paese interessato e le donne dei villaggi vengono coinvolte nei corsi di formazione all’igiene al fine di portare le norme igieniche di base anche nelle proprie abitazioni.  Non ci sono elementi critici nella riuscita del progetto grazie anche al controllo in loco del nostro Coordinatore Africa che gestisce direttamente i progetti nei diversi paesi. Questo progetto si integra perfettamente nel progetto Sostegno a Distanza sostenuto ormai da anni da Reach Italia in tutti i paesi coinvolti.

 

  1. BENEFICIARI

I beneficiari più coinvolti sono i bambini ai quali si garantisce, oltre che di frequentare una scuola, di mangiare ogni giorno. Ovviamente questo di riflesso produce un miglioramento dello stato di salute e la possibilità di apprendere norme igieniche e di alimentazione di base. Con la formazione dei bambini di oggi si costruisce una società per il futuro. Coinvolgendo anche le comunità locali nelle figure degli insegnanti, delle cuoche, del personale addetto alla formazione, si permette alla comunità di crescere nella cultura e di partecipare attivamente al progetto. Nello specifico:

 

Uomini    Donne      Bambini   Totale

 

Burkina                            25            25            1200       1250         

Mali                      25           25            1000       1050    

Niger                    35           30             1750       1815

Guinea                 20           15               700         735      

Congo                  45           35              1500      1580

      TOTALE:  6.430

 

  1. PARTNER PUBBLICI O PRIVATI, NAZIONALI O INTERNAZIONALI DEL PROGETTO:

 

In tutti i paesi coinvolti sono attivi come partner:

  • COMUNITA’ LOCALI
  • APE (Associazione Parenti degli Allievi) Si tratta di associazioni di genitori che si raggruppano per aiutare a gestire la scuola. Non hanno nessuna personalità giuridica e nessun documento che ne identifica la costituzione. Sono organismi riconosciuti e incoraggiati dal Ministero dell’educazione.

 

  1. SETTORE DI INTERVENTO DEL PROGETTO:

Assistenza alimentare nelle scuole d’intervento, manutenzione e costruzione di locali idonei per essere adibiti a cucine, formazione di personale sulle norme igienico sanitarie. Assistenza sanitaria di base.

 

 

  1. LUOGO DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO

 

BURKINA FASO

3 Scuole di intervento (si allega mappa):

  • Scuola di Nemena;

Burkina Faso, regione Boucle du Mouhoun , a sud di Dédougou

  • Scuola di Soutoura;

Burkina Faso, regione Boucle du Mouhoun, a ovest di Dédougou

  • Scuola di Tansarga;

Burkina Faso, Regione TAPOA – Provincia di DIAPAGA – Località di SANTARGA.

 

 

MALI

4 Scuole di intervento (si allega mappa):

  • Scuola di Eden; quartiere Yirimadio nel Commune VI del Distretto di Bamako, quartiere periferico della capitale a 15 km dal centro città.
  • Scuola di Sion; Villaggio di Nossombougou – Comune di Nossombougou  a 65 da bamako – Regione di Koulikoro.
  • Scuola di Diarrabougou; Villaggio di Diarrabougou – Comune di Nossombougou a 65 Km da bamako e 10 Km da Diarrabougou – Regione di Koulikoro
  • Scuola di Douga; Villaggio di Douga, 257 Km da Bamako , comune di Sakoiba, Regione di Segou

 

NIGER

5 Scuole di intervento (si allega mappa):

  • Scuola di Dar-es-Salam – Niger – Niamey
  • Scuola di Foulan Koira – Niger – periferia d Niamey
  • Scuola di Tangare – Niger – 42 km da Niamey – Villaggio di Tangare
  • Scuola di Sadore – Niger – 40 km da Niamey – Villaggio di Sadore
  • Scuola di Dosso – Niger – 150 km da Nyamey – Villaggio di Dosso
  • Scuola di Niamey – Nuova scuola in Niger – nella periferia della capitale Niamey – lotto “YA-Sallam”

 

GUINEA BISSAU

  • scuole d’intervento (si allega mappa):
  • Scuola di Bachil – Situata nel nord, Regione di Cacheu, Settore di Cacheu Sezione di Bachil quartiere di Ti. Dista dalla capitale Bissau 89 Km. La scuola si trova a 13 km dal Settore di Canchungo e a 26 Km dalla Capitale della regione Cacheu. I villaggi più vicini a Bachil sono: Tchur Brique – 2 Km a sud; Banhuncun – 1,5 Km a sud-est ; Carrinque – 1 Km a est.
  • Scuola di Djolmet – Situata nel nord, Regione di Cacheu, Secttore di Canchungo, Sezione di Djolmet. Dista dalla capitale Bissau 85 Km, di cui 67 Km di strata normale e 18 km di strada sterrata.

I villaggi più vicini a Djolmet sono : Quessasse – 3 Km a est ; N`cutur – 2 Km a ovest; Djolnhaga – 7 Km a est.  

 

 

Attività realizzate

 

ATTIVITA’ 1 – Distribuzione derrate alimentari nei complessi scolastici interessati

Att. 1.1: L’acquisto delle derrate necessarie  per completare l’intero periodo di scuola è stato completato e realizzato in base ai bambini frequentanti.

Att. 1.2: Acquisto delle derrate.

Per i diversi paesi sono state acquistate le seguenti derrate alimentari:

 

 

BURKINA  
Riso 11000kg
Fagioli 3100
Olio 64 bidoni da 20 litri – 1280 litri
Sale da cucina 3 sacchi
Pesce secco 405 kg
Concentrato di pomodoro 72 bottiglie

 

NIGER  
Riso 6200 kg
Fagioli 1700 kg
Olio 22 bidoni da 20 litri – 440 litri
Miglio 1900 kg
Zucchero 2400 kg
Pasta 1000 kg
Sale 7 sacchi

 

GUINEA  
Riso 4200 kg
Latte 1400 lt
Zucchero 900 kg
Olio 250 lt
Burro 190 kg

 

MALI  
Riso 2400 kg
Condimenti Vari

 

Att. 1.3: Distribuzione alle scuole locali. La distribuzione alle scuole è stata realizzata in quanto le mense sono state attivate ad ottobre 2015. I pasti giornalieri vengono serviti regolarmente a tutti bambini frequentanti le scuole. Le spese per il personale locale è stato preso in carico.

 

 

 

Sono state prese in carico le cuoche delle diverse scuole; anche in questa seconda fase del progetto del progetto è stata data la priorità al servizio delle mense.

 

ATTIVITA’ 2 – Attivazione degli accordi con i partner

Att. 2.1: Sono stati attivati gli accordi con le comunità locali per una migliore gestione del progetto e con l’APE (Associazione Parenti degli allievi). Accordi fondamentali alla realizzazione del progetto in quanto si riesce a raggiungere le scuole coinvolte solo grazie alla loro collaborazione.

 

ATTIVITA’ 3 – Acquisto delle attrezzature per cucine

Att. 3.1: Le attrezzature necessarie per le cucine del Mali e della Guinea sono state acquistate durante l’anno scolastico in modo da rendere più pratico il servizio delle mense.

 

ATTIVITA’ 4 – Monitoraggio del progetto

Att. 5.1 e 5.2: Le verifiche periodiche sono state eseguite tramite il nostro coordinatore  africa residente in Burkina Faso ed i diversi responsabili locali nei 5 diversi paesi coinvolti. Ogni responsabile continua la rendicontazione periodica di quanto realizzato e produce tutti i documenti necessari alla rendicontazione del progetto, gestita direttamente dall’ufficio progetti della sede in Italia.

 

 

  • – RISULTATI OTTENUTI

 

  1. Riduzione di abbandoni e delle assenze
  2. Riduzione delle sofferenze dei bambini che dovrebbero camminare km per andare a scuola
  3. Riduzione delle carenze alimentari
  4. Miglioramento delle capacità di apprendimento scolastico

Lascia un commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: